TERREinMOTO
la rete milanese dei mercati agricoli e delle autoproduzioni
CAICOCCI E’ E DEVE RESTARE DI TUTT*
Categories: General

11013_283202805137172_4156943574006274165_n

Sulle denunce e sul procedimento contro Caicocci Terra Sociale

Venerdi 31 ottobre 2014 sono state notificate tre denunce ad attivisti del comitato Caicocci Terra Sociale, che da circa un anno si sta mobilitando  e prendendo cura dei casali e delle terre di Caicocci, di proprietà regionale e in sofferto stato d’abbandono. Mandante la stessa Regione Umbria, che chiede anche un risarcimento danni (?) e la restituzione della proprietà (per poter poi operarne la valorizzazione, cioè la vendita).

In merito alle denunce, come Comitato facciamo presente che a portare avanti la custodia sociale sono state decine di cittadine e cittadini e chi si trovava a Caicocci durante le identificazioni lo faceva su mandato collettivo di un’assemblea.

La nostra presenza a Caicocci ha sensibilmente diminuito la rapina e il vandalismo contro i casali e gli arredi. Ha cercato, dove possibile, di ridare vita produttiva a qualche pezzo di terra, di recuperare e curare alberi e strutture, di ragionare collettivamente sull’uso sociale e agricolo di quello che è un grande bene comune. Chi dovrebbe chiedere i danni? A chi dovrebbero essere chiesti i danni? A chi ha lasciato in stato di abbandono un patrimonio pubblico o chi , dal basso  e con i suoi limiti, ha cercato di prendersene cura?
Il Comitato ci tiene a precisare anche che, contrariamente a quanto scritto nelle denunce della Regione Umbria,  a Caicocci non sono state commesse azioni né violente né clandestine. Abbiamo sempre fatto tutto pubblicamente, spesso con partecipazione popolare.

Caicocci Terra Sociale rivendica l’uso delle terre demaniali per finalità sociali e per la costruzione della sovranità alimentare dei territori. Rivendica anche la gestione popolare e collettiva di tali beni, tenuto conto del fallimento della classe politica che ha condannato questi beni comuni all’abbandono o alla vendita.

Il Comitato ha sempre agito nella sostanziale attuazione dell’art 118 dellaCostituzione che prevede il principio di Sussidiarietà con cui i cittadini partecipano alle scelte  delle Amministrazioni locali che ricordiamo “gestiscono il territorio nazionale   ma non ne  sono proprietarie, il proprietario è il Popolo.

Noi crediamo nella salvaguardia del Patrimonio ambientale, agricolo e immobiliare come unica  risorsa per la creazione di nuovi posti di lavoro

Noi crediamo che un Ente pubblico che abbandona o vende dei Beni Comuni tradisce il proprio mandato Costituzionale.

Per ribadire il nostro No alla vendita di Caicocci e alla repressione, convochiamo tutte e tutti il 25 novembre davanti al Tribunale Civile di Perugia. In questi giorni comunicheremo anche altre iniziative

Caicocci siamo tanti

Le lotte per Caicocci e per la Terra non si reprimono

Caicocci non si vende, si vive  e si difende

Leave a Reply